Poesie

ROBERTA SIRENO

 

 

     come cercare

il centro che tiene sospeso

    il pasticcio di cielo

       o di tenebra

 

come sentire improvviso

 

l’urlo crudo

 

     delle statue

(R. Sireno, Fabbriche di vetro, Raffaelli Editore 2011)

 

 

GIOVANNI F.  ACCOLLA

 

 

Non scriverti

tra i mondi

al margine della traccia delle lacrime impara

a vivere

P. Celan

 

Sono una conchiglia mica il mare.

Solo suono e ricordo sono, anzi

del suono solo ricordo, percezione,

sentore, minima evocazione.

 

Sono una conchiglia, bianca

spirale di buio posata sul mondo.

(G.F. Accolla, La perseveranza e il caso, Raffaelli Editore 2011)

 

 

ZINGONIA ZINGONE

 

 

No me importa lo que digan

 

los perversos son los puritanos

amor

los que no entienden

los designios del cielo

y se amarran el corazón

con el lazo de todos los prejuicios

Osvaldo Sauma

 

Ámame,

te digo ámame

en el nocturno abrazo del silencio,

ámame

y calla como hace el amor,

 

tú que eres eso,

aun cuando callas.

 

Rózame, te digo rózame

 

que dulce murmullo eres

en el abrir de pétalos y no

 

rózame de alas,

de miel rózame;

 

el palmo rózame,

nacer como la semilla

que rozando posas.

 

Mírame, te digo mírame

espantado mírame

 

que suave,

desnuda

descubro

 

hasta el alma.

 

Cúbreme, te digo cúbreme

lentamente cúbreme

 

y súdame,

de sal y vientre súdame

de fiebre y paz súdame

de torso, bronce, penumbra

súdame

 

cúbreme, extiéndete

cúbreme.

 

Piénsame,

te digo piénsame

en la claridad piénsame

 

línea que huye y no,

que ayer aún,

 

piénsame, mañana piénsame.

 

Non m’importa cosa dicano

 

I perversi sono i puritani

amore quelli che non capiscono

i progetti del cielo

e si legano il cuore

con il laccio di tutti i pregiudizi

Osvaldo Sauma

 

Amami, ti dico amami

nel notturno abbraccio del silenzio,

 

amami

e taci come fa l’amore,

 

tu che sei quello, anche quando taci.

 

Sfiorami, ti dico sfiorami

che dolce brusio sei

nell’aprir di petali e non

sfiorami di ali,

di miele sfiorami;

 

il palmo sfiorami,

 

nascere come il seme

che sfiorando posi.

 

Guardami, ti dico, guardami

spaurito guardami

 

che piano,

nuda

schiudo

 

anche l’anima.

 

Coprimi, ti dico coprimi

lentamente coprimi

 

e sudami,

di sale e ventre sudami

di smania e pace sudami

di torso, bronzo, penombra

sudami

 

coprimi, teso

coprimi.

 

Pensami, ti dico pensami

nel chiarore pensami

 

linea che sfugge e non,

che ieri ancora,

 

pensami, domani pensami.

(Z. Zingone, L’equilibrista dell’oblio, Raffaelli Editore 2011)

 

 

PATRIZIA VILLANI

 

 

In ascolto

 

[a Derek Walcott]

 

Non sono come te potente e alta,

voce amica, troppo verde ancora

non ho imparato ad amare la pioggia

e i giorni bui come il sole fraterno,

al quale rendo grazie ogni mattina

per la presenza generosa e solidale.

 

In quell’icona limpida illumino

il fulgore della sopravvivenza,

lo stendardo rossoblu del desiderio,

l’oro convulso che campeggia,

dettagli e atti della mia giornata.

 

Sono pochi gli album di vecchie foto

da sfogliare nelle giornate cupe

e mute, e la mia stanza non sempre

ha la porta chiusa quando lo voglio io.

 

Però ti ascolto avida, mia voce,

e insieme ai suoni che mi crescono

imparo le strategie dell’esistenza:

per ruvida che sia, la voglio intensa.

(P. Villani, Conversazioni necessarie, Raffaelli Editore 2011)

 

 

 

VITTORIO FRANCESCHI

 

 

È vero?

 

Tu mi vedi?

Vedi le vene e il sangue vedi

i pori delle ossa le artrosi

i bronchi le mucose

i bulbi dei capelli?

E senti tutto?

Singhiozzi mormorii colpi di tosse

e l’acqua che gorgoglia nell’esofago

e i borbottii del ventre? E anche le parole

smozzicate in un sonno-dormiveglia

quando nel buio

a lungo mi rigiro

e un malessere cupo

mi attanaglia? È vero

che mi passi attraverso?

Sei tu che muovi da dentro

la mia gamba destra

e sposti un po’ più in là

quel vecchio dolore

che non mi dia troppo impedimento?

È vero che hai messo

un dondolo nel mio cuore

che ora batte per la tua

voglia di vivere e ieri

t’è caduto uno zoccolo?

Si è sentito

un tonfo nella palude.

 

È vero che soltanto

chi muore insieme

nel nulla siderale sopravvive?

(V. Franceschi, Il volo dei giorni, Raffaelli Editore 2011)

 

 

GIOVANNI PICCIONI

 

 

Anche con un’anomalia nel camminare

Via col vento

Con te

Vorrei

Andare.

(G. Piccioni, Forma del mattino, Raffaelli Editore 2011)

 

 

MARIO MASTRANGELO

 

 

‘O juoco antico

 

Sti sguarde e sti parole ca nun dico

so’ ‘o primo passo ca nun dico

so’ ‘o primo passo r’ a’ via affatata

ca ce porta a fà nzieme ‘o juoco antico

‘e cercà ‘a gioia uno rint’a l’ata.

 

Il gioco antico

 

Questi sguardi e le parole che non dico

sono il primo passo della via fatata

che ci porta a fare insieme il gioco antico

di cercare la gioia uno nell’altra.

(M. Mastrangelo, Nessuna voce, Raffaelli Editore 2011)

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento