Poesie inedite di Davide Ferrari

Le poesie di Davide Ferrari, anticipazione del suo prossimo libro, riprendono la cifra di densità dell'autore pavese, abitate da un più oscuro fondo di riflessione (il tempo conta) e di affinamento della visione, come si vede nella coppia di poesie sulla rosa. Una verità di terra e di anima, di immersione, con le parole e con il loro perdersi di cui il dialetto si fa, paradossalmente, custode e lessico fino a uno spazio enigmatico, dove paiono appunto perdersi i contorni delle cose e delle parole, siano esse Dio, la rosa, la memoria, gli anni del padre, i detti della terra. Uno spazio o dimensione che potremmo indicare come l'Essere, con la correzione che la poesia però porta sempre a una pura metafisica, mai separando la potenza misteriosa dell'Essere dal rilievo ineluttabile e sacro del visibile, del fenomeno. E tale unione tra fisico e metafisico trova in poesie come queste di Ferrari una testimonianza non solo nel discorso ma nella natura stessa del testo, nutrito contemporaneamente di costruzione e abbandono, di dizione e impossibilità. Sullo sfondo sta la lezione dantesca, assunta grazie anche alla maestria contemporanea di un Franco Loi, e sta una ricerca che, non a caso oscillando spesso tra i luoghi apparentemente opposti del carcere e del teatro, porta a unione l'emergere della parola, la sua oscurità vitale e la sua sparizione come semina. Non è un caso che l'ultima di queste poesie, una delle più belle, si chiuda con una parola che denota la caratteristica esistenziale di questa situazione, ricca e povera al tempo stesso: la parola "gioia".

Davide Rondoni

Ersilia[1]

 

Tra l'aria e i me parol nassü in paves
gh'è la to vita e ’l pes d’i me tri ann
cumpagnà in s’al paviment d’la sala,
madar dal me rid e ad dü piastrell
gross me una piassa d’aram pr’i me occ
bambocc, e ti ’l me amur birocc.
Sgagná la carne d’la to lengua
in s’la me lengua e fa l'anima incarnà
in d'la memoria d'un queicoss
c’la pöda no vess mort, parché la vus
la möra in d’i canton d’i mür, in d’i cifon
e in cassafort indè che mai nissün
ag mèta i rob dabon pressius.
In s’i to spall ho impará pulid
la lüs e tüti i num dal vent,
in scia a la via di burdoch
ch’i misüran sensa pressia al paviment
me nüm, segnà d’la vita poc a poc.

Tra l’aria e le mie parole nate in pavese / c’è la tua vita e il peso dei miei tre anni / accompagnati sul pavimento della sala, / madre del mio ridere e di due piastrelle / enormi come una piazza per i miei occhi / bambocci, e tu il mio amore biroccio. / Morsicare la carne della tua lingua / sulla mia lingua e fare l’anima incarnata / nella memoria di qualcosa / che non può essere morte, perché la voce / muore negli angoli dei muri, nei comodini / e in cassaforte dove mai nessuno / mette le cose davvero preziose. / Sulle tue spalle ho imparato a distinguere / la luce e tutti i nomi del vento, / in scia alla via degli scarafaggi / che misurano senza fretta il pavimento / come noi, segnati dalla vita poco a poco.

[1] La poesia è stata stampata con torchio a mano nel 2016, in 50 esemplari, da Luciano Ragozzino per i tipi de Il Ragazzo Innocuo.

Diu l’è no parola da fagh insima
una puesia. Se diu l’è fai ad parol
mi gh’n’ho bel e mia.
Diu l’è un curr’g’adrè, l’è un ratt,
un gatt c’at fissa a scür c’al par la stria,
l’è ’l büs di occ, la lüna intussicà
da la pagüra da vegh gnent da
dumandàgh.
Diu l’è un spüd tra lengua e dent,
al ma sumiglia par l’acént
tüt dü sèm fià d’un fià.
Basta fagh a ment e diu pö l’è pü gnent.
Diu l’è god e tüt da god
fin a murì perdend al sentiment
sensa preoccupàss da ve fai prima
testament.

Dio non è parola per scriverci / una poesia. Se dio è fatto di parole / allora io non ne ho neanche una. / Dio è un rincorrere, è un topo, / un gatto che ti fissa al buio e sembra la strega, / è il buco degli occhi, la luna intossicata / dalla paura di non avere niente / da chiedergli. / Dio è uno sputo tra lingua e denti, / mi somiglia per l’accento / tutti e due siamo fiato di un fiato. / Basta pensarci e dio poi non è più niente. / Dio è godere e da godere fino in fondo / fino a morirne perdendo il senno / senza preoccuparsi di aver fatto prima / testamento.

M'insogni tüt i not da vess parola
mola asè par daslenguàm e pö vegh
al corp da mola che in dal sogn l'afila
tüt i sogn ca vegna dop. M'insogni una
parola e son la vus, la lüs, e in un
secund e mes son in s'la lüna a ved
se l’üna o l'altra bala ien assè
par scund ca suma bel e gnent o set
miliard spudà al Big Bang, al sogn d’i son,
ai sogn ch’i g'hän culur di occ, furma ad
parol.

Sogno tutte le notti di essere parola / molle abbastanza per sciogliermi e poi avere / il corpo da mola che nel sonno affila / tutti i sogni che vengono dopo. Mi sogno una / parola e sono la voce, la luce, e in un / secondo e mezzo sono sulla luna per vedere / se l’una o l’altra palla sono sufficienti / per nascondere che siamo un bel niente o sette / miliardi sputati al Big Bang, al sonno dei suoni, / ai sogni che hanno colore degli occhi, forma di / parole.

I ann dal padar, ad me padar, ad mi
ca son un ladar ad temp o un radar
par l'alèrta, l'aluvion dal Po,
me padar in barca, al piängia, i män in testa
a strepà via un'idea o una preghiera,
mi ca vedi gnent, g'ho nänca par la ment
ad piäng parchè la senti tüt adess
al pes, adoss, adess ca disi, ca tradissi
lü, diventi nüm.

Gli anni del padre, di mio padre, di me / che sono un ladro di tempo o un radar / per l’allerta, l’alluvione del Po, / mio padre in barca, piange, le mani in testa / a strappare un’idea o una preghiera, / io che non vedo niente, non ho neanche in mente / di piangere perché lo sento tutto adesso / il peso addosso, adesso che dico, che tradisco / lui, divento noi.

’s diseva che la rösa la g’ha vista
buna: mangià d’la mort prima d’la föia,
l’as fa rusgà la pel ad la malura
ingarbiend in silensi la pagüra
ad perd al laurà d’tüta una vigna
a rüspà al temp cui män impastà ad tèra;
la strengia al vent e i so fulon tra i pieg
ad la so tésta fiur ad fiur, finchè
l’è sfaia e pö sfuià me la pèl sèca
d’i muribund e tüt par pö fulà
la vita d’un queidün: la s’ fa sgagnà
d’i ragn, i a porta a spala in d’i brandéll
dal so prufüm, un fià fin ai büdéll
ca t’fa gni vöia ad piäng ad la belèssa
ad vess dispèrs, inütil, tamme ’l vent.

Si diceva che la rosa ha la vista buona: / mangiata dalla morte prima della foglia, / si lascia rosicchiare la pelle dalla malora / imbrigliando in silenzio la paura / di perdere il lavorìo di tutta una vigna / a scavare il tempo con le mani impastate di terra; / stringe il vento e i suoi urti violenti tra le pieghe / della sua testa fiore di fiori, finché / è sfatta e poi sfogliata come la pelle secca / dei moribondi e tutto per poi pigiare / la vita di qualcuno: si fa mordere / dai ragni, li porta a spalla nei brandelli / del suo profumo, un fiato che arriva alle budella / che ti fa venir voglia di piangere per la bellezza / di essere dispersi, inutili, come il vento.

Un’avia lì pugià in s’al verd d’un mar
smeràld cui venadür ca paran sciüma
i paran quei d’i män e vüna a vüna
piän, ia fa passà tüt.
Chissà s’la cerca cui sampèt tüt tort
me i did d’i marinàr
intent a dasgarbià la red, raménd
d’una natüra pel, un fiur ca veglia
in d’l’alt la so navigassion la vela
al su guidà d’i stell.

Un’ape lì appoggiata sul verde di un mare / smeraldo con venature da sembrare schiuma / come quelle delle mani e una ad una / adagio le studia tutte. / Chissà che cosa cerca con le zampette tutte storte / come le dita dei marinai / intenti a sgarbugliare la rete, rammendo / di una natura pelle, un fiore che veglia / dall’alto la sua navigazione, la vela / al sole guidata dalle stelle.

Nissün al mund insègna gnent, nissün,
nissün al sa dì nient d’i mund presius
scus suta i occ, scus in d’i män dapus
al puls c’al sègna i und in ciel e un pass
segnà in s’la tèra. E mi ca son nissün
al mund, d’al mund strengi i parol in gula,
ag ròbi l’aria par ciamàl,
innuminà me sempar, sensa num
’me ’l fög ca m’sciopa dentar ’renta al cör,
in d’i pulmon, m’e i occ in d’i to occ
i s’pogian tamme lengua e vus da dat
par l’aria, un’anima ligera sensa
ammò una storia, al me tremur d’i làvar
dat, ca t’cumpagna al sogn vers sira e in d’i
sogn sensa num a scür d’i occ as dèsfa
in gioia.

Nessuno al mondo insegna niente, nessuno, / nessuno sa dire niente dei mondi preziosi / nascosti sotto gli occhi, nascosti nelle mani dietro / il polso che disegna le onde in cielo e un passo / segnato in terra. E io che sono nessuno / al mondo, del mondo stringo le parole in gola, / gli rubo l’aria per chiamarlo, / innominato come sempre, senza nome / come il fuoco che mi scoppia dentro vicino al cuore, / nei polmoni, come gli occhi nei tuoi occhi / si appoggiano come lingua e voce da donarti / attraverso l’aria, un’anima leggera senza / ancora una storia, il mio tremore delle labbra / darti, che ti accompagni al sonno verso sera e nei / sogni senza nome al buio degli occhi si disfa / in gioia.

NOTA BIOGRAFICA 

Davide Ferrari lavora come attore, regista e autore. Tra le sue pubblicazioni: il poemetto Eppure c’è una meta per quel fiato di universo (Subway Edizioni 2014) - testo vincitore per l’Italia del concorso internazionale Pop Science Poetry organizzato dal CERN di Ginevra e tradotto in quattro lingue; la silloge Dei pensieri la condensa (Manni 2015) scritta in dialetto pavese, con prefazione di Franco Loi, (Premio Giuseppe Tirinnanzi 2016). Traduce con Jurga Po All’asinello sordo (Edizioni Effigie 2019) del poeta lituano Donaldas kajokas.
Tra le sue produzioni teatrali: Risonanze. Le voci dell’Appennino (2018), Il professore e la cantante. La grande storia d’amore di Alessandro Volta (2019), Coppi e il diavolo. Ovvero quando il Campionissimo incontrò Gioânbrerafucarlo (2019).
Conduce laboratori di teatro e scrittura creativa con i detenuti delle Case Circondariali di Pavia, Monza e Voghera dove dirige la compagnia Maliminori composta da attori detenuti.

0 Condivisioni

Lascia un commento