Pietro Russo, “Eppuru i stiddi fanu scrusciu”

aiu l’occhi ca parrunu ri tia
ma non comu u suli avi u jonnu
aspittaru tutta a notti
furriannu alleggiu c’a Terra

eppuru i stiddi fanu scrusciu
séchitanu macari a menzionnu

sì tu
chiùrimi st’occhi, nzemi
viremu chi volunu

ho gli occhi che parlano di te / ma non come il sole ha il giorno
hanno aspettato tutta la notte / girando lentamente con la Terra
eppure le stelle fanno baccano / continuano anche a mezzogiorno
sei tu / chiudimi questi occhi, insieme / vediamo cosa vogliono

Spugghiatu, arresti tu
ca mi cummogghi c’o to ciatu.
A fini semu tu e iu. Nuautri sulu.

Accàlati amuri supr’i mia, ciata
e arriciata comu n armali chinu r’amuri
comu su iu non fussi chissu
stu nenti allinchiutu r’amuri.

Spogliato, resti tu / che mi ricopri con il tuo fiato. / Alla fine siamo tu e io. Solo noi.
Chinati amore su di me, respira / e respira ancora come un animale pieno d’amore
come se io non fossi questo / questo niente riempito d’amore.

matri scura terra anniata
unni sugnu ora?
fici casa na ssa lingua
ddà tunnava
quannu a notti è chiù longa

matri scura terra anniata
acqua trasi sutta l’ugna, s’ammisca
c’o sangu, cu stu sonnu ca mi mancia a facci
a tia tonnu

matri mia, tutta a vita mi scurau
e iu na vota m’arriminava na ssa lingua
e iu na vota m’arriminava no sonnu

matri mia terra anniata
staiu tunnannu
appinnutu ne to vrazza
cunsulatu

madre scura terra annegata / dove sono ora? / ho dimorato in questa lingua / là tornavo
quando la notte è più lunga / madre scura terra annegata / acqua entra sotto le unghie, si mescola
con il sangue, con questo sonno / che mi divora il volto / torno a te
madre mia, tutta la mia vita si è fatta buio / e io una volta mi rivoltavo in questa lingua
e io una volta mi rivoltavo nel sonno / madre mia terra annegata
sto tornando / appeso alle tue braccia / consolato

per Ana,
e la sua Chicago of the mind
(and heart)

c’è friddu a notti e non è pi diri
non cià fa a cumigghiarini boni
l’amica me veni ri luntanu, avi occhi ca fanu scantu
occhi ca mi fanu nicu
pari n armali ca voli nesciri
ro pettu (è fimmina
è fimmina, pensu) quannu
cu na lingua c’avissi accanusciri
mi lassa spurtusatu e c’o chiummu ri intra:
E ora cosa faccio
con tutto questo amore che ho?

non parramu, ci vulissi arrispunniri,
a stissa lingua
iu non sacciu unni vaiu
ri unni vegnu

c’è freddo la notte e non è per dire / non ce la fa a coprirci bene / la mia amica viene da lontano, ha occhi che fanno paura / occhi che mi fanno piccolo / sembra un animale che vuole uscire / dal petto (è una donna / è una donna, penso) quando / in una lingua che dovrei riconoscere / mi lascia perforato e il proiettile di dentro: / E ora cosa faccio / con tutto questo amore che ho?
non parliamo, le vorrei rispondere, / la stessa lingua / io non so dove vado / da dove vengo

Ri quali ventu veni a to uci?
C’è n’acqua auta e intra ri tia
non si mori. Era na cosa mpastata
c’a notti ca non rommi.
E cielu e terra scumaru a mità strata
comu rui ca s’ammiscunu intra a l’aria.
Tu sì comu nasciri chiù forti.

Da quale vento viene la tua voce? / C’è un’acqua alta e dentro di te / non si muore. Ero una cosa impastata / con la notte che non dorme. / E cielo e terra schiumarono a metà strada / come due che si mescolano nell’aria. / Tu sei come nascere più forte.

Pietro Russo è nato a Catania, dove vive. Attualmente svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche di Catania. È socio fondatore del Centro di Poesia Contemporanea di Catania e segretario del comitato locale della Società Dante Alighieri. Nel 2016 ha pubblicato il primo libro di poesia, A questa vertigine (Italic), vincitore del Premio Violani Landi Opera prima 2017.

Lascia un commento